home

sitogigimanolo

Manolo - Biografia

Manolo, Severino Scaglia orchestradelcuore.

Severino Scaglia (Manolo) nasce a Piacenza il 16 novembre 1963 (segno zodiacale scorpione). Polistrumentista cantante autore compositore è in attivita dal 1975.

Severino Scaglia (Manolo) a soli 9 anni fa capire quale sarà la sua passione e il suo interesse: la musica. Proprio a questa giovane età inizia a frequentare i palcoscenici e lo fa in un piccolo complessino del doposcuola delle elementari suonando la batteria. Si avvicina al suo strumento solo qualche anno più tardi, a 11 anni si appassiona alla fisarmonica. Cominciano le prime lezioni dello strumento sotto gli insegnamenti del M° Luigi Costa,al tempo fisarmonicista dell'orchestra Franco Bagutti. L'anno seguente entra a far parte del complesso Gli Ambasciatori del liscio e con loro arrivano le sagre e le feste estive di paese. Accresce la sua esperienza dopo poco, con Giulio Manara orchestra che lo porterà ad uscire anche fuori dall'Emilia cominciando a salire su palchi più importanti d'Italia. A soli 16 anni diventa autore e compositore dando l'esame di ammissione alla S.I.A.E. (Società Italiana autori ed editori), ma a 18 anni arriva la vera svolta professionale di Severino che viene notato dal M° Sandrino Piva che lo vuole subito nella sua orchestra. Con l'entrata in questo gruppo Severino diventa "Manolo" soprannome voluto da Sandrino che lo giustifica così:"Voglio che la gente si ricordi il tuo nome vedendoti suonare! Hai una mano veloce e sicura sulla tua fisarmonica ...ti chiamerò Manolo!". Saranno 13 anni di grandi soddisfazioni professionali. "Manolo" però non si ferma con gli studi e a 19 anni sarà il M° Glauco Cataldo a fare accrescere ulteriormente le conoscenze musicali del ragazzo arrivando fino all'ammissione presso il conservatorio Nicolini di Piacenza superando brillantemente l'esame di teoria e solfeggio. Così a soli 20 anni entra nella classe di trombone. Le esperienze crescono fino al momento in cui Sandrino Piva scopre in Manolo la dote di cantante. E' con il brano "La campana del villaggio" successo della Schola Cantorum che la voce potente esce dall'ombra e il pubblico comincia ad apprezzare il "falsetto", peculiarità che distinguerà nel tempo la voce di questo artista da ogni altro. Il microfono in mano rende ancora più forte e popolare Manolo che apre una nuova era alla sua carriera.Le canzoni popolari e di successo italiane si susseguono: "Nel sole" "Mattinata di Leoncavallo" "E' la mia vita" di Albano diventano cavalli di battaglia anche del giovane cantante piacentino che lo portano al successo personale e a dare più lustro all'orchestra Piva.

Manolo e la sua fisarmonica.

Manolo inizia a soli 9 anni lo studio della fisarmonica. Luigi Costa (Orchestra Bagutti) sarà il suo primo insegnante.

Manolo con Sandrino Piva.

L'Orchestra Sandrino Piva al completo ritrae anche Manolo (in basso a sinistra) negli studi dell'allora Fininvest di Berlusconi.
Programmi e personaggi tra i più importanti del momento come Ezio Greggio, Massimo Boldi, Enrico Beruschi, Enrica Bonaccorti e altri.
Immagine di un capodanno di fine anni '80 festeggiato negli studi di Canale 5

Manolo con Sandrino Piva.

Gli anni '80/'90 furono d'oro per l'orchestra di Sandrino Piva. Numerosissime le partecipazioni a trasmissioni più seguite del momento..

Si susseguono i consensi da estimatori e fans anche con brani scritti a quattro mani con Sandrino, motivi per fisarmonica solista ma soprattutto sono le canzoni a farla da padrone. "L'amore è un'estasi" sarà il brano che lo consacrerà definitivamente al pubblico come autore, compositore e interprete. Partecipa attivamente ad ogni produzione discografica del gruppo piacentino. L'orchestra di Sandrino Piva darà modo a Manolo di partecipare innumerevoli trasmissioni in tv nazionali come Rai e Canale 5. Ezio Greggio,Gianfranco D'Angelo, Enrica Bonaccorti Carmen Russo, Enrico Beruschi, Giancarlo Magalli sono alcuni nomi che Manolo affianca nei vari programmi di successo del momento. A 31 anni nel pieno della sua maturità artistica (polistrumentista, fisarmonica, tastiere, trombone basso e non per ultima la voce) Manolo si trova ad affrontare l'imprevisto. La scomparsa prematura di Sandrino Piva lo obbliga a nuove scelte che lo portano in uscita dal gruppo. Una veloce esperienza nei piano-bar per poi tornare al giro delle orchestre della musica da ballo col gruppo di Daniele Cordani, in qualità di cantante e trombonista. Le incisioni vanno di pari passo con il lavoro sul palco registrando cd oltre che per Daniele, anche per altre realtà musicali quali collane per fisarmonica e sezione fiati in collaborazione con musicisti Rai del calibro di Emilio Soana (Tromba) e Paolo Barbieri (sax) Il 1999 è un anno fondamentale e memorabile per la sua vita artistica. Manolo diventa il braccio destro del personaggio numero uno più in voga di quegli anni. Franco Bastelli lo chiama alla sua corte per altri successi che culmineranno con una fantastica tourneè negli States.Chicago, Detroit, Niagara saranno le località che i due artisti toccheranno nei loro concerti per i nostri connazionali residenti nello stato nord americano.Terminata la fantastica collaborazione con Bastelli Nel 2007 corona il suo sogno e con grande soddisfazione viene affiancato dal figlio Alain per continuare un storia di artista tutta sua da interprete cantante. Passato il tragico momento della pandemia che ha creato un tracollo totale nel settore dello spettacolo, Il 2022 porta un vento nuovo per Manolo, una nuova collaborazione con un gruppo storico della musica da ballo. Grazie al suo inserimento parte l'evoluzione dell'OrchestraDelCuore, in compagnia di un'altro volto noto...

Manolo con Franco Bastelli.

La voce di Manolo apprezzata anche negli Stati Uniti grazie al tour che Franco Bastelli fece per i nostri numerosissimi connazionali residenti negli States.

Manolo, Bastelli, Studio Zeta.

In questa foto Manolo e Franco Bastelli sul Palco del famoso Studio Zeta di Caravaggio. Tra i due artisti grande stima professionale e amicizia che rimane tutt'oggi a distanza di anni.

Manolo col figlio Alain Scaglia.

Nella carriera di un artista di successo ci sono tante soddisfazioni e gratificazioni. Incomparabile però, quella di avere al fianco
il proprio figlio che impara e si avvicina con passione alla stessa tua professione. Alain ha nel sangue il talento del padre.

La fisarmonica di Manolo, Severino Scaglia.

La fisarmonica è lo strumento regina nella musica da ballo. Nel corso degli anni Manolo ha saputo distinguersi e farsi apprezzare non solo
per le sue doti canore ma anche per i grandi successi classici dello strumento e brani scritti in collaborazione con Sandrino Piva e Daniele Cordani.

Videostory

footer